Conto Deposito IBL Banca 2021

Il conto deposito IBL Banca è una delle soluzioni di investimento più apprezzate tra le persone che intendono impiegare i loro risparmi per ottenere un rendimento senza correre particolari rischi. In base alle loro esigenze i clienti dell’Istituto Bancario del Lavoro possono scegliere tra il conto libero e il conto vincolato. In questa pagina riepilogheremo le caratteristiche dei conti, i tassi applicati e le altre condizioni economiche applicate, scopriremo come aprire il conto e come entrare nell’area clienti prima di chiudere con le opinioni su questo prodotto.

IBL Banca Conto Deposito 2021: caratteristiche dei conti Libero e Vincolato

Conto su IBL è un conto deposito, ovvero un contratto con cui l’istituto si impegna a custodire i risparmi depositati dal suo cliente, riconoscendogli una remunerazione sotto forma di interessi. Il conto deposito IBL può essere alimentato tramite bonifico, ma anche con assegni circolari e bancari  o altri titoli assimilati che siano stati tratti direttamente dal titolare del conto (o da uno dei cointestatari) su altri conti a lui intestati presso banche operanti sul territorio italiano; bisogna precisare che gli assegni circolari devono essere intestati al titolare di ContosuIBL e devono presentare la clausola non trasferibile. Per quanto riguarda i prelevamenti invece le opzioni disponibili sono due: si possono fare tramite la carta di debito oppure mediante bonifici (verso conti presso la stessa IBL oppure presso altri istituti operanti nell’area SEPA). Il conto deposito IBL può essere intestato anche a due persone: i cointestatari possono operare separatamente. Conto su IBL è disponibile sia libero che vincolato: vediamo quali sono le differenze tra le due formule.

Conto su IBL Libero

La caratteristica principale del conto deposito IBL Libero è rappresentato dalla possibilità di gestire liberamente le somme che vi vengono depositate, quindi è un prodotto che si dimostra ideale per quelle persone che vogliono ottenere un rendimento dai loro risparmi senza perderne la disponibilità. I punti di forza di questo conto sono quindi:

  • la semplicità e nell’apertura online e nella gestione tramite i servizi di Internet Banking;
  • la gratuità, visto che non ci sono spese di apertura, gestione e chiusura del conto e non si deve pagare alcun canone mensile;
  • l’assenza di vincoli, con le somme che sono disponibili in ogni momento e una durata (e di conseguenza un rendimento) teoricamente senza limiti;
  • la convenienza, visto che per chi apre un conto deposito IBL libero nel 2021 è previsto un tasso annuo lordo dello 0,20% (più avanti parleremo più nel dettaglio del rendimento);
  • la sicurezza, caratteristica tipica dei conti deposito, con l’unico rischio (quello di controparte) che viene ridotto praticamente allo zero con l’adesione di IBL al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, che garantisce una copertura fino a 100.000 euro per ogni depositante (questo significa che se il conto è intestato a due persona la garanzia sale a 200.000 euro).

Conto su IBL Vincolato

Il conto deposito IBL vincolato si distingue per il fatto che sulle somme depositate e “bloccate” si ottiene un rendimento maggiore. Può essere aperto gratuitamente online, con la possibilità di scegliere anche di suddividere in vincoli di diversa durata le somme depositate. Il conto vincolato è collegato a quello aperto: al termine del periodo di vincolo le somme e gli interessi vengono infatti accreditati sul conto libero, quindi il titolare ha la possibilità di scegliere se lasciarli lì (in modo da avere i soldi a disposizione) oppure reinvestirli nuovamente. Il conto vincolato è disponibile anche nella versione con cedola trimestrale: in questo caso gli interessi non vengono messi a disposizione del titolare del conto alla fine del vincolo, ma vengono liquidati ogni tre mesi. I punti di forza del ContosuIBL vincolato sono:

  • la redditività, rappresentata dai tassi di interesse più elevati per chi sceglie di vincolare i suoi risparmi (si va da un tasso minimo dello 0,45% ad uno massimo pari allo 0,70%: approfondiremo il discorso nel prossimo paragrafo);
  • l’assenza di costi di apertura, gestione e di chiusura;
  • la libertà di programmare gli investimenti in base alle proprie esigenze (le somme depositate possono essere suddivise in vincoli di diversa durata);
  • la semplicità di gestione, che avviene tramite l’area riservata del servizio di internet banking;
  • la sicurezza, con l’adesione di IBL al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi che mette al sicuro i propri clienti fino a 100.000 euro per depositante (quindi copertura fino a 200.000 euro per i conti cointestati).
  • L’ampia scelta di durate dell’investimento, che può andare da un minimo di 6 mesi fino ad un massimo di 36 mesi.

Inoltre, chi opta per il conto vincolato con cedola trimestrale non deve aspettare la scadenza del vincolo per poter godere dei benefici del suo investimento, visto che gli interessi vengono liquidati ogni tre mesi.

I tassi di interesse del conto deposito IBL libero e vincolato 2021

Al di là del fattore sicurezza, l’aspetto che probabilmente interessa di più i risparmiatori e gli investitori è il rendimento: vediamo quali sono i tassi di interesse concessi a chi decide di aprire un conto deposito IBL. Iniziamo con il conto libero: per chi apre il conto è previsto un tasso annuo lordo dello 0,20% (sulle somme fino a un milione di euro); si parla di interessi lordi: per conoscere il rendimento netto bisogna considerare anche la tassazione, che attualmente è pari al 26%: il tasso promozionale netto del conto deposito IBL libero è quindi pari allo 0,15%. Sul sito dell’istituto (raggiungibile all’indirizzo www.iblbanca.it) è disponibile un simulatore che consente di calcolare quale potrebbe essere il guadagno per una persona che apre un Conto su IBL Libero: bisogna inserire l’importo depositato, selezionare il tipo di deposito ed indicare la durata dell’investimento. Supponiamo quindi di voler depositare sul conto libero 10.000 euro per 6 mesi (180 giorni): gli interessi lordi ammontano a 10euro, mentre quelli netti sono pari a 7 euro (ci sono infatti 3 euro di tasse).

Passiamo ora al conto deposito IBL vincolato; come abbiamo visto prima esistono due formule, ovvero quella “Normale”, che prevede la liquidazione degli interessi alla scadenza del vincolo, e quella con cedola trimestrale; i tassi di interesse sono diversi per le due formule e variano in base alla durata dell’investimento.

Per il Conto su IBL Vincolato i tassi di interesse sono pari a:

  • 0,45% sulle somme vincolate per 3 mesi;
  • 0,55% sulle somme vincolate per 6 mesi;
  • 0,70% sulle somme vincolate per 12 mesi;
  • 0,70% sulle somme vincolate per 18 mesi;
  • 0,70% sulle somme vincolate per 24 mesi.

Per il Conto su IBL Vincolato con cedola trimestrale i tassi di interesse sono invece pari a:

  • 0,55% sulle somme vincolate per 6 mesi;
  • 0,70% sulle somme vincolate per 12 mesi;
  • 0,70% sulle somme vincolate per 18 mesi;
  • 0,70% sulle somme vincolate per 24 mesi;
  • 0,70% sulle somme vincolate per 36 mesi.

Ricordiamo ancora una volta che si tratta di tassi espressi al lordo. Gli interessi vengono capitalizzati a fine trimestre (31 marzo, 30 giugno, 30 settembre e 31 dicembre).

Anche in questo caso possiamo fare una simulazione sfruttando lo strumento presente sul sito ufficiale di banca IBL. Supponiamo di avere 10.000 euro da investire; pensiamo che ci possano servire presto, quindi scegliamo un investimento di breve durata: se li vincoliamo per tre mesi abbiamo diritto al tasso dello 0,45%, quindi il rendimento lordo sarà pari a 11 euro (8 euro netti). Se optiamo per un vincolo di 6 mesi possiamo scegliere tra la versione normale e quella con cedola trimestrale: in ogni caso il tasso di interesse è pari allo 0,55% e il rendimento lordo sarà pari a 27 euro (20 euro netti). La durata massima prevista per il Conto su IBL Vincolato nella versione standard è di 24 mesi: i soliti 10.000 euro vincolati per due anni fruttano lo 0,70% di interesse, pari a 140 euro lordi (104 euro netti). La durata massima prevista per il Conto su IBL Vincolato con cedola trimestrale è invece pari a 36 mesi: investendo per 3 anni i soliti 10.000 euro si ha diritto ad un interesse dello 0,70%, quindi il guadagno sarà pari a 210 euro (155 euro netti).

Apertura e chiusura del conto deposito IBL Banca 2021

Andiamo ora a conoscere quali sono le altre condizioni economiche. Come abbiamo ripetuto nei paragrafi precedenti non ci sono spese di apertura, di gestione e di chiusura del conto e non ci sono neanche canoni mensili o annui da pagare. Sono gratis anche i prelevamenti di contante da ATM IBL (sono gratis anche fino a 6 prelievi al mese da sportelli automatici di altri istituti, poi il costo è di 1 euro a prelevamento) e i bonifici SEPA (quelli urgenti con regolamento diretto BIR hanno un costo di 9 euro). L’estratto conto viene inviato gratuitamente con periodicità trimestrale ed è gratis anche se viene richiesto allo sportello o consultato online: si paga invece 5 euro se si richiede l’invio con periodicità inferiore ai sei mesi. L’imposta di bollo è a carico del cliente: corrisponde al 2 per mille con periodicità trimestrale e viene calcolata sulla base della giacenza sul conto alle date di chiusura di ogni trimestre. Il deposito minimo iniziale è fissato a 1.000 euro, così come la giacenza minima; la giacenza massima è invece fissata a un milione di euro.

Sono disponibili due diverse modalità di apertura del conto deposito IBL:

  • si può andare di persona presso una filiale dell’istituto, portando con sé un documento di identità e il codice fiscale e chiedere al personale l’attivazione del conto;
  • si può andare sul sito www.iblbanca.it/conto_deposito.html e seguire la procedura di apertura online: dopo aver compilato i moduli si deve stampare il contratto, che andrà firmato e spedito con le fotocopie di carta d identità e codice fiscale.

Chi opta per l’apertura online può scegliere se identificarsi facendo un bonifico da un altro suo conto oppure se identificarsi senza bonifico andando di persona presso una filiale IBL. Una volta fatta l’apertura è possibile consultare e gestire il proprio conto direttamente online: lo si può fare da computer entrando nell’area clienti del sito www.iblbanca.it ed inserendo le proprie credenziali di accesso (codice utente e password) oppure da smartphone e tablet tramite l’applicazione ufficiale IBL E-Bank, disponibile gratis sia su Google Play per dispositivi Android che sull’App Store per dispositivi iOS. Si può recedere dal contratto in ogni momento senza dover pagare alcun costo o alcuna penale: il recesso avrà effetto dal momento in cui la banca riceve la comunicazione del cliente. Il conto si chiude entro cinque giorni dalla data di efficacia della comunicazione di recesso.

Conviene aprire un conto deposito IBL nel 2021?

Dopo aver elencato tutte le caratteristiche, le condizioni economiche e le modalità di apertura, gestione e chiusura del conto è arrivato il momento di tirare le somme: il conto deposito IBL può essere una buona soluzione per chi intende fare un investimento sicuro nel 2021? Per dare una risposta a questa domanda bisogna prendere in considerazione diversi aspetti. Il primo riguarda la sicurezza: il conto deposito è lo strumento preferito dalle persone che vogliono ottenere un certo rendimento dai loro risparmi senza correre alcun tipo di pericolo; le caratteristiche dello strumento stesso e l’adesione della banca al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi che mette al sicuro il titolare del conto fino a 100.000 euro non lasciano dubbi, stiamo parlando di una soluzione sicura. L’altro aspetto fondamentale riguarda il rendimento: i conti deposito non sono famosi per i loro tassi di interesse elevati, ma questo non significa che non si possano trovare delle soluzioni attraenti: anche senza primeggiare, il Conto su IBL riesce a rientrare tra i prodotti più redditizi per quanto riguarda sia i conti vincolati che quelli liberi (soprattutto in questo periodo con il tasso promozionale).

Ma vanno presi in considerazione anche altri fattori: l’assenza di costi di apertura, gestione e chiusura rappresenta un punto di forza del conto deposito IBL, così come la semplicità della procedura di apertura e della gestione del conto, che può avvenire online tramite l’area clienti del sito della banca o tramite l’applicazione ufficiale. Un aspetto molto importante è dato dall’ampia possibilità di scelta che va oltre alla semplice distinzione tra conto libero e conto vincolato: per quanto riguarda quest’ultimo infatti sono disponibili diverse durate dell’investimento (con tassi di interesse che crescono per i vincoli di durata maggiore) e si può scegliere tra la liquidazione degli interessi alla scadenza del contratto e la liquidazione trimestrale. Inoltre all’interno dello stesso conto è possibile aprire più vincoli, anche di durata diversa. Un altro punto a favore del conto deposito IBL è il deposito minimo: bastano mille euro per aprire il conto.